Clicky

Candid Camera bambino indemoniato
comment
A
A
print
1 - NUMBER NEWS

COME TI VENDO UN FILM, TERRORIZZANDO NEW YORK: LA CANDID CAMERA DEL BAMBINO INDEMONIATO – VIDEO

di Monica Gasbarri - 15 gennaio 2014 17:58

Di Monica Gasbarri – Una carrozzina si aggira incustodita per la città di New York. Non c’è una mamma a spingerla o a rincorrerla, è abbandonata in strada e il primo istinto di chi la vede è immancabilmente quello di avvicinarsi e cercare di capire cosa ci sia che non va, soprattutto nel momento in cui si sente un pianto disperato provenire dall’interno. E’ proprio a quel punto che , il malcapitato passante finisce per sobbalzare alla vista di un bambino malefico dai tratti demoniaci che nulla ha da invidiare alla Linda Blair de L’Esorcista.

Niente paura però, si tratta solo di una candid camera che è stata organizzata per promuovere il film Devil’s Due, La stirpe del diavolo, in uscita nelle sale americane nei prossimi giorni. Non si tratta di un bambino vero, come è facile intuire, ma di un “fantoccio” pur sempre spaventoso, che ai passanti che si siano avvicinati un po’ di più, riserva anche un conato di vomito.

Il film arriverà anche in Italia a maggio, e come si può intuire, racconta di una coppia alle prese con la stirpe malvagia frutto di una gravidanza imprevista. 

Articoli Correlati

mario cuomo1 - NUMBER NEWS
Bandiere a mezz’asta per un mese: New York saluta Mario Cuomo, l’Amleto dell’Hudson

Di Monica Gasbarri – New York saluta per sempre l’ex governatore Mario Cuomo: per ...

icon
Protesters Continue Wall Street Occupation1 - NUMBER NEWS
New York, nuovo caso Ferguson. Un agente non viene incriminato dopo uccisione di un afroamericano

A scoppiare è un nuovo caso Ferguson, ma questa volta accaduto a anche a New York. Le proteste ...

icon
stati uniti1 - NUMBER NEWS
Stati Uniti VS Italia, guida semiseria di un italiano a New York

Di Giorgio Amato* – Un mese di soggiorno negli Stati Uniti è servito per capire le ...

icon
Barbie 41 - NUMBER NEWS
Barbie, il profilo Instagram e la sua probabile partecipazione alla settimana della moda di New York

Ormai non avere un profilo social significa essere out. E da ora anche quella che è stata ...

icon